Scars of life

“Le anime più forti sono quelle temprate dalla sofferenza. I caratteri più solidi sono cosparsi da cicatrici” (Khalil Gibran)

Un’antica tradizione giapponese, chiamata ‘Kintsugi’, consiste nel riparare un vaso in frantumi e, successivamente, ricoprirne le crepe con l’oro. Questo processo, che contribuisce ad impreziosire una ‘ferita’, in parte, seppure in modalità diverse, viene emulato da Daniele Deriu che, tra il 2012 e il 2018, realizza la serie fotografica intitolata Scars of life. Le fotografie, in cui si evince la grande sensibilità dell’autore, sono dedicate a donne forti e guerriere che hanno combattuto personalmente contro malattie terribili, abusi, menomazioni e, in alcuni casi, anche contro la loro stessa esistenza, facendosi del male con atti di autolesionismo o, nelle condizioni più difficili, nel tentativo di togliersi la vita. Il fotografo, rovesciando ipocriti canoni di bellezza e banali stereotipi, si sofferma sulla cicatrice che, attraversando la pelle, diventa simbolo della sofferenza umana. Nel passaggio metaforico dal buio alla luce – che possiamo cogliere nello sfondo – la donna, vera protagonista di Scars of life, sembra finalmente fiorire e rinascere.

@Daniele Deriu

Contatti:

Sito ufficiale: http://www.illogico.it

Facebook: https://www.facebook.com/daniele.deriu.works/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...